mercoledì, agosto 13, 2008

Obama popstar e l'umorismo di David Letterman (capito?)

Chi segue il David Letterman Show sa che la top ten è una rubrica umoristica, talvolta improbabile. Per piacere, qualcuno mi dica che Alessandra Farkas si è solo dimenticata di spiegarlo nel suo articolo:

A dare una mano a McCain ci si sono messi anche i comici della notte, che non perdono occasione per sbeffeggiare Obama.
Riprendendo un articolo di fuoco apparso sul Washington Post che accusava Obama, al rientro dal suo «giro del mondo in stile presidenziale», di «darsi le arie da capo di Stato anche in patria», il caustico David Letterman si è chiesto se il candidato democratico alla Casa Bianca non appaia «un pò troppo presuntuoso nel comportarsi già da vincitore». Tra «i primi dieci segnali che Obama ha troppa fiducia di vincere», ha indicato Letterman nel suo show, ci sarebbe una fantomatica proposta del senatore di ribattezzare lo stato dell' Oklahoma in «Oklobama» e di essersi fatto misurare la testa per Mount Rushmore.


(la mia personale opinione è che, messo così in quel tipo di articolo, l'aneddoto si presti al fraintedimento ma vabbè, sarò fissata io)

3 commenti:

Massimo ha detto...

La signora è recidiva. Il nome mi diceva qualcosa, ho controllato e ho visto che avevo commentato qui una sua assurdità astronomica.

bos ha detto...

mhmm...
il doppio episodio è preoccupante...

b.

gattostanco ha detto...

Bisognerebbe anche avvisarla che un po' si scrive con l'apostrofo e non l'accento.