venerdì, luglio 25, 2008

Non dipendenza ma una certa pervasività

Passare davanti a una scritta su un muro che dice "Odia le persone false".

Ecco, io ieri ho trascorso i quindici secondi successivi a chiedermi come mai a qualcuno venga in mente di scrivere sui muri in terza persona.

(sì, ho poi realizzato che era un imperativo e che i quindici secondi precedenti erano una chiara evidenza dell'influenza di twitter nella mia vita)

9 commenti:

anton ha detto...

fantastica Antonella :)

mucio ha detto...

ahahah, grande :)

roberta milano ha detto...

semplicemente meravigliosa!

L'oca perdida ha detto...

è preoccupata perchè succede anche a lei

AdriRips aka Ginevra ha detto...

...grande antonella :)

Stefigno ha detto...

eh eh , capita ! :)

Sir Drake ha detto...

Annamo bene!!!

Cristian Conti ha detto...

Ormai scrivo in terza persona anche i messaggi a mia moglie..

Ester Memoli ha detto...

Urgh...anche io uso troppo la terza persona...e poi va a finire che la uso anche a lavoro :(